Pubblicato in: Ho visto, ho letto

Indisciplinata e impostorica

Dividua. Femminismo e cittadinanza, di Emma Baeri Parisi. Con letture di Elena Caruso Raciti e Antonia Cosentino Leone (Il Poligrafo, 2013)

Articoli, interventi a seminari e convegni, pagine di diario, poesie: i testi raccolti nel volume sono stati scritti tra il 1997 e il 2013. Nel 1997, mentre i maschi al potere fanno e disfano la “Bicamerale” per le riforme costituzionali, Emma sostiene che da questa partita non ci si può tirare fuori e lancia la proposta di un Preambolo alla Costituzione che “nel rispetto dell’integrità della Costituzione scritta dai padri e dalle madri fondatrici della nostra democrazia, la ricontestualizzi a partire dal compimento della cittadinanza femminile”. Nel 2013, sulla spinta di Elena Caruso Raciti, giovane compagna del collettivo Le Voltapagina, si interroga e riflette sul post-porno. Da qui prendo lo spunto per un offrire un piccolo assaggio del ritmo e dei toni del libro.

Felice di aver perso quattro chili per invasione bacillare mi accorgo di colpo che le rughe sono ormai pieghe, che la cellulite affiora imperiosamente dal sottocute, che in questa festa barocca di righe e palle il mio corpo di giovane donna potenzialmente interessato al post porno si è inesorabilmente trasformato nel corpo di una vecchia signora, che tuttavia sento ancora interessato al tema, inevitabilmente virato in senil porno: mi debbo inventare qualcosa, ne voglio parlare con le mie coetanee. Mi guardo intorno: dove sono?

Uguaglianza, differenza, diversità sono alcune delle parole chiave insieme a sessualità, corpo, esperienza bio-storica.

Emma Baeri Parisi (il secondo è il cognome della madre, non del marito) esplora la cittadinanza come una che torni più volte, ma in momenti diversi, sugli stessi luoghi. Li osserva, li scopre e li riscopre registrando al tempo stesso i propri cambiamenti.

E’ particolare questo libro perché ci sono dentro persone, ma anche animali e oggetti. Perché lascia che la vita concreta inzuppi ad ogni istante la tela della teoria. Di Emma conosco la voce e l’accento, la fisicità, l’abbraccio caloroso, e così mentre la leggo mi pare di ascoltarne la voce e mi viene una certa nostalgia di incontrarla. Continua a leggere “Indisciplinata e impostorica”

Pubblicato in: Agenda, Diritti riproduttivi

Riepilogo fatti e notizie su aborto e salute riproduttiva

Questo post è un breve riepilogo di avvenimenti, assemblee e incontri sul tema dell’aborto e della salute riproduttiva

Domenica 6 aprile a Milano

Assemblea nazionale promossa da Women are Europe, dopo le numerose manifestazioni del 1 febbraio e dell’8 marzo scorso in solidarietà con le donne spagnole per protestare contro la riforma Gallardon sull’interruzione di gravidanza.

Il nome della rete WEA sottolinea che il tema della libertà procreativa è un tema di politica europea.

L’obiettivo delle organizzatrici dell’assemblea è “incontrarci per conoscerci meglio, di persona, e per scambiarci pensieri e progetti intorno a: AUTODETERMINAZIONE, SESSUALITA’, ABORTO e SALUTE RIPRODUTTIVA”.

L’obiettivo è anche trovare argomenti e prassi comuni in vista della macabra processione che si svolgerà a Milano la settimana successiva…

Sabato 12 aprile a Milano

E’ indetta una processione da parte del Comitato No 194. Analisi e notizie sul sito di OGO – Obiettiamo gli obiettori, che prefigura lo scenario:

“Macabra marcia del Comitato No194 il 12 aprile nelle strade di Milano. Con croci insanguinate addobbate con fetini morti e litanie colpevolizzanti per scacciare il demonio, questi integralisti non si accontenteranno di stazionare davanti agli ospedali, come fanno ogni primo sabato dei mesi dispari, ma tenteranno di imporre la loro presenza lugubre e opprimente nel centro della città”.

Da anni OGO attua un conflitto frontale con i preganti del sabato mattina, opponendo alle immagini di feti sanguinolenti cartelli che rivendicano autodeterminazione. E’ pure questa una strategia, la rispetto anche se non la sento mia come pratica, perché mi sembra di dare accreditamento politico ad una follia fondamentalista che consuma la sua efficacia nel momento stesso in cui si esprime.

D’altra parte i fondamentalismi non vanno presi alla leggera e forme di denuncia e contrasto sono necessarie, come dimostrano la Spagna di Gallardon e l’Europa che ha bocciato il Rapporto Estrela. Continua a leggere “Riepilogo fatti e notizie su aborto e salute riproduttiva”

Pubblicato in: Diritti riproduttivi

Domande al Partito democratico sui diritti sessuali e riproduttivi – parte la campagna

Parte su iniziativa di alcune associazioni, di donne e non solo, questa campagna rivolta al Partito democratico dopo il respingimento della Relazione Estrela, avvenuto nella seduta del 10 dicembre 2013 del Consiglio d’Europa. Si raccolgono le adesioni: http://salutedirittosessuale.wordpress.com/

Le proposte contenute nella Relazione Estrela, se approvate, avrebbero portato gli Stati membri dell’UE a garantire a tutti e tutte, anche ai più giovani, un facile accesso alla contraccezione, alla fecondazione e all’aborto. Continua a leggere “Domande al Partito democratico sui diritti sessuali e riproduttivi – parte la campagna”

Pubblicato in: Diritti riproduttivi

Rapporto sui diritti sessuali e riproduttivi – domani il voto in parlamento europeo

Il 10 dicembre 2013 il “Rapporto Estrela” sui diritti sessuali e riproduttivi torna all’esame del Parlamento europeo. L’assemblea plenaria dovrà valutare nuovamente il documento, frutto del lavoro della Commissione FEMM, già respinto il 22 ottobre per pochi (pesanti) voti conservatori. Il documento ha l’obiettivo di difendere la salute delle donne europee e delle persone LGBT. Continua a leggere “Rapporto sui diritti sessuali e riproduttivi – domani il voto in parlamento europeo”