Pubblicato in: Una su cinque non lo fa

Socrate, Platone e la conciliazione

Grazie ad Anna, Laura, Graziano

Conciliazione plurale

“Educazione”, “trasmissione”, “ruoli”, “tenere a bada”, “aspettative sociali che bloccano le scelte”, “difficoltà nostra ad affrontare il giudizio altrui”.

Con queste parole-chiave si era aperto il terzo laboratorio del corso “Spazio alle donne“, organizzato da Pares e Provincia di Milano sul tema della conciliazione e degli avvicendamenti al femminile.

Eravamo partite in aggancio alle due giornate precedenti, nel corso delle quali Laura Papetti e Anna Omodei avevano ricostruito una mappa della presenza femminile nei luoghi dove si decide e nelle professioni. Presenza o per meglio dire assenza, tanto più evidente data la quantità di dati e di fonti che definiscono i dettagli di una sconcertante differenza di potere e di possibilità tra uomini e donne.

Differenza sessuale che si traduce in disparità, discriminazioni, talora dominio: un processo che ha radici profonde tanto nel passato della specie quanto nella vicenda di ogni singolo individuo e che si sviluppa…

View original post 1.668 altre parole

Pubblicato in: Agenda, Una su cinque non lo fa

“La costruzione della maternità” alla Scuola estiva della SIS 2013

Ci vediamo a Firenze!

“La costruzione della maternità. Storia, scienza, riflessione femminista” 

Firenze dal 28 Agosto al 1 Settembre

L’edizione 2013 della Scuola Estiva della SIS è dedicata alla maternità declinata secondo vari aspetti: come fatto sociale, al centro di linguaggi molteplici che hanno normato e in definitiva costruito comportamenti individuali e familiari, ruoli e identità di genere; come immaginario simbolico ma anche come esperienza, mutevole e plurale, dotata di forti implicazioni soggettive: snodo, in positivo o in negativo, di autorappresentazioni, memorie, narrazioni, scritture soggettive delle donne.

La nostra attenzione si appunterà su alcuni dei più significativi ambiti storici di costruzione della maternità, che percorrono variamente il campo di tensione tra corpo e mente, «natura» e «cultura», individui, famiglie, società e istituzioni: la scienza medica, il diritto, i media, la teoria politica, la narrazione di sé.

Altre info sul sito della SIS

Programma

Pubblicato in: Una su cinque non lo fa

“Libere di scegliere” in tempo di elezioni – due appuntamenti a Milano e Brescia

Il 2 febbraio al Teatro Elfo Puccini di Milano per “IO VOGLIO”, iniziativa organizzata dalle donne con Ambrosoli in Lombardia. Ci sarò per portare il mio “io voglio” e contribuire al noi vogliamo che le candidate nelle liste che supportano Ambrosoli stanno raccogliendo. Sarà un’occasione per diffondere il documento propositivo di Libere di scegliere.

L’8 febbraio parliamo di scelte, politica e libertà femmile al Caffè letterario primo piano di Brescia. Presentiamo il libro “Una su cinque non lo fa. Maternità e altre scelte” insieme a Donatella Albini, ginecologa e candidata Sel con Ambrosoli Lombardia, Piero Puzzi, ginecologo e attivista di Libere di scegliere, Piera Maculotti, giornalista.

 

Pubblicato in: Una su cinque non lo fa

Maternità si o no – Voci da un dibattito

Donne senza figli. Lunedì 12 novembre ne abbiamo parlato al Circolo Arci Chekpoint Charlie, con Luciana Barbarano, consigliera di zona. C’erano una ventina di persone, uomini e donne, di età diverse. Riporto alcune frasi del dibattito, molto vivace.

Donna: “sono una donna senza figli, e sento molto la pressione a farli. In fondo provo un senso di inadeguatezza e senso di colpa”

Uomo: “fare la storia della maternità è come fare la storia della società. Vedo emergere un nuovo soggetto che prima non aveva visibilità: la donna che non vuole figli”

Uomo: “non c’è davvero libertà di scegliere, per le donne, perché sono limitate dalle condizioni economiche”

Donna: “la maternità in Italia è sovraccaricata di significati. Troppo, bisogna dirlo”.

Uomo: “bisogna avere il coraggio di seguire la propria strada anche se c’è un forte condizionamento”

Uomo: “la libertà per una donna è legata la senso di colpa. Tutti noi dobbiamo lavorare per limitare al minimo i sensi di colpa delle donne”

Donna: “sono una donna senza figli, siamo tante nei due contesti dove lavoro, il teatro e la scuola. Leggere questo libro per me è stato liberatorio”

Uomo: “c’è un grado di libertà che bisogna imparare a gestire. E’ giusto rispettare una scelta di rinuncia. Normalmente queste scelte vengono fatte per un bene maggiore. Bisogna mettere tutte e tutti in condizione di fare una scelta libera… sento come un senso di colpa per aver lasciato un sistema peggiore di quello in cui ho fatto le mie scelte riproduttive”

Pubblicato in: Una su cinque non lo fa

Presentazioni “Una su cinque non lo fa”

22 gennaio 2014 – Milano
al Centro Camedi, via San Gregorio 3, Milano, alle 21.30, serata organizzata da La Casa Rosa.

12 giugno 2013 – Milano
all’Alveare, ore 21.00, con Fiorella Imprenti e Lea Melandri.

19 marzo 2013 – Milano
all’associazione Apriti Cielo! di via Spallanzani 3, con Marina Mariani.

15 marzo 2013 – Milano
al Teatro della XIV, via Oglio, con lo spettacolo “Tutta colpa di Cenerentola”, serata organizzata dal Consiglio di zona.

8 febbraio 2013 – Brescia
al Caffè letterario Primo piano, con Donatella Albini, Piero Puzzi e Piera Maculotti.

27 dicembre 2012 – Monopoli
alla Libreria Chiarito

13 dicembre 2012 – Milano
al Circolo ArciLa Scighera, alle 21.30, con Stefano Ciccone, Barbara Mapelli, Chiara Martucci. Dibattito inconsupertrafra i generi a partire dai tre libri “Silenzi”, “Essere maschi tra potere e libertà”, “Una su cinque non lo fa”.

23 novembre 2012 – Monopoli (Bari)
Al Castello, ore 18.00. Organizzato dal Presidio del libro di Monopoli. Con due donne attive nel mondo della scuola e della cultura: Loredana Ratti, Presidente dell’Associazione “Donne per la città”, e Rosanna Sardella, ex assessore alla Trasparenza nel Comune di Monopoli.

20 novembre 2012 – Genova
ore 18.30, presso la Farmacia “Nostra Provvidenza” di Piazza Cernaia 9. Con Alba Zolezzi, dell’Associazione italiana donne medico. Il contesto è quello del Festival eccellenza al femminile, quest’anno declinato sul tema della maternità/non maternità.

23 settembre – Milano
per la Domenica delle donne organizzata da Fondazione donna a Milano

17 novembre 2012 – Cernusco sul Naviglio (Mi)
alla Biblioteca civica ”Lino Penati”, ore 16.00, promosso dalla Libera università delle donne di Cernusco sul Naviglio

12 novembre 2012 – Milano
Al Circolo Arci Chekpoint Charlie, ore 21.00, con Luciana Barbarano, consigliera di Zona 4.

15 settembre 2012 – Tortona
con Donneinsieme

20 giugno 2012 – Roma
alla casa delle donne di Roma, con Barbara Romagnoli, Roberta Carlini, Lidia Campagnano, Chiara Valentini, discussione di “Una su cinque non lo fa” e “O i figli o il lavoro” di Chiara Valentini.

14 giugno 2012 – Milano
all’Unione femminile nazionale, con Giuliana Chiaretti, Alessandra Ghimenti, Angela Stevani,

Pubblicato in: Una su cinque non lo fa

Di ritorno da Padova

Impressioni ad acquarello dopo il dibattito al Corso di pari opportunità dell’Universitò di Padova.

16 ottobre 2012, Padova. Mio fratello Marco mi viene a prendere in stazione verso le due. La città è raggiante nella giornata schietta, un’esplosione di luce. Il rosso dei fiori sul ponte è quasi violento, un benefico shock per occhi intorpiditi dai vapori milanesi.

Siamo nel flusso di studenti che dalla stazione procede verso il centro. Arriviamo a piedi in Università, scienze politiche, dove Alisa Del Re mi ha coinvolto nel suo corso di pari opportunità.
La incrociamo in via del Santo, vicino all’ingresso, mentre sfreccia baldanzosa sulla bici.
A Padova si sfreccia in bici senza rischiare la vita.
Mentre ci rifocilliamo prima di entrare, si parla (anche) di tango. Grande stupore sulla faccia di Marco, matematico dottorando, quando viene a sapere di suoi docenti ballerini. Il tango ha una grammatica raffinata, dico. Alisa conferma, è per questo che i matematici la apprezzano, e anche molti fisici. Per un attimo ho la visione improbabile di mio papà (un fisico) che balla il tango, ma è fugace.
A dire il vero sono concentrata su un’altra danza, quella che l’agitazione muove nelle mie viscere (i racconti del corpo, appunto).

Ci raggiunge Lorenza Perini, ricercatrice e collaboratrice di Alisa. Dopo pochi minuti siamo in aula. Sono già son tutte sedute, le studenti con parecchi “gli”. La visione mi allarga il cuore e mi incoraggia.
Breve introduzione di Alisa. Poi parto. Ho qualche paletto scritto, mi infilo in tangenziali dove rischio di perdermi, riprendo la strada non so come. Si innesca il pilota automatico, decido di darmi fiducia.

Sui loro volti passa di tutto. Curiosità, attenzione, perplessità, approvazione, disappunto, sdegno, simpatia. I ragazzi annuiscono energicamente e, mi pare, più spesso delle loro compagne mentre fissano una frase sul quaderno (ah!! I quaderni!!!). Alcune ragazze sembrano poco convinte, in alcuni casi scuotono la testa con disapprovazione. Il concetto che incontra più resistenza è quello per cui le donne non sarebbero accudenti per natura. La negazione dell’istinto materno disorienta. Qualcuna è rapita come quando scopre una banale verità, tanto banale da non essere vista. Altre pure annuiscono, in particolare su certi passaggi che riguardano la precarietà, il desiderio, la complessità. Continua a leggere “Di ritorno da Padova”

Pubblicato in: Una su cinque non lo fa

Madri vs non madri tra paura e libertà. Istruzioni per uscire dalla trappola e non rendersi infelici

Madri e non madri, bisogna per forza dividersi in due squadre di calcio che si contendono il trofeo della libertà? Me lo sono chiesta all’uscita da una presentazione di “Una su cinque non lo fa”, in cui si è riproposto il solito tranello: che una scelta debba vincere sull’altra.

“F. madre di una bimba di 15 mesi, quando sono rimasta incinta mi ha detto a proposito di fare un figlio: se non lo fai puoi continuare la tua vita ed essere felice, se lo fai ti rendi conto di esitere proprio per quello. Mi sembra riassuma bene…”

Così mi scriveva un’amica neomamma qualche giorno fa, a proposito di madri e non madri. La frase mi è tornata in mente nel corso di un dibattito in cui si parlava dello stesso argomento a partire da “Una su cinque non lo fa“. Ero stata invitata dal gruppo della Libera università delle donne di Cernusco s.N., che da anni si dà appuntamento un giorno alla settimana, in biblioteca, per discutere a partire da un libro.

Al gruppo di donne abitué si erano aggiunte per l’occasione due nuove. Indicativamente mie coetanee, una con il pancione l’altra con un bimbo di pochi mesi in braccio.

Quando si è aperto il dibattito, ha preso subito parola una delle due mamme, dichiarando, mentre scuoteva la testa: “è solo la paura”. 45 minuti di argomentazioni liquidate in 4 parole, ho pensato. Continua a leggere “Madri vs non madri tra paura e libertà. Istruzioni per uscire dalla trappola e non rendersi infelici”

Pubblicato in: Una su cinque non lo fa

“Una su cinque” prossimi appuntamenti

Una su cinque non lo fa” è l’occasione per incontrare tante donne e uomini interessanti, curiose, appassionate. Persone che si impegnano nel fare cultura, nel tenere vivi spazi di parola in cui ci si possa incontrare, stare insieme. Ragionare, mettere chicchi di sale nella zucca della società in cui viviamo. Presentazioni del libro a settembre:

A Velletri, con la scuola estiva organizzata da Bee Free tra il 4 e l’8 settembre, abbiamo parlato di lavoro di cura e di scelte riproduttive nei passaggi generazionali e in cerca di strategie di cambiamento.

A Tortona, il 15 settembre, per la festa di Donneinsieme

A Milano, domenica 23 settembre è la Domenica delle donne, organizzata dalla Fondazione donna a Milano con un programma più che fitto. La presentazione di “Una su cinque” è tra le 11 e le 11.30. Siamo al parco, speriamo in una giornata di sole.