Caro papà

Caro papà, ci siamo messi a guardare il cielo stellato tante di quelle volte, parlando o tacendo. Tentare di immaginare l'infinito mi faceva venire ansia. "Papà non riesco a pensare l'infinito" ti ho detto una volta. "Non cercare di pensarlo tutto insieme - mi hai detto - pensalo un passo alla volta". Così ho imparato … Continua a leggere Caro papà

Alle donne Firenze, ecco quello che dovete sapere se avete deciso di abortire.

<>

Un'inchiesta sull'aborto

Testimonianza ricevuta in forma anonima, con richiesta di pubblicazione su questo sito

La mia testimonianza riguarda la mia esperienza avvenuta a Firenze 3 anni fa. Non me la sono sentita di condividerla prima di oggi… Più che raccontare la mia storia emotiva, affettiva, ideologica, mi piacerebbe dire alle altre donne quello che nessuno mi ha detto a quel tempo, quello che solo una donna che ha avuto questa esperienza avrebbe potuto dirmi, ma che non sapevo a chi chiedere.

Quando alla fine di tutto sono stata io la prima a condividere questa epopea con le amiche, alcune mi hanno detto in privato che era successo anche a loro. Altre mi hanno allontanata.

Allora care donne di Firenze, ecco quello che dovete sapere se avete deciso di abortire.

Anche a Firenze, la legge italiana si presta ad interpretazioni contrastanti sui compiti degli obiettori, il che mette vari gruppi sociali e…

View original post 1.302 altre parole

Quel matrimonio, che emozione, che vergogna!

#svegliaitalia. Prima di scendere in piazza la mia amica Emma Baeri ci ha inoltrato, sottoscrivendolo, questo articolo di Alessandro Gilioli che afferma: "se si scende in piazza per parlare di famiglia, è un brutto segno". Sospiro e annuisco. Scrive più avanti: "la famiglia sta ai bisogni sociali come il pane sta a quelli alimentari". Mhh, ok. "Punto a … Continua a leggere Quel matrimonio, che emozione, che vergogna!

I Confini del Corpo: quando la tua è una Pelle di Vetro

Rilancio qui l’articolo in cui Alessia riprende ed approfondisce il legame tra percezione delle donne essere violabile e molestie (di strada e non), il legame tra molestia e “cultura dello stupro”.

frammenti di un discorso pedagogico

Ho letto poco fa il bell’articolo pubblicato sul blog Racconti del corpo (il potete leggere per intero qui).

Nell’articolo Eleonora prova a rispondere ad una domanda che le  è stata posta da alcuni amici uomini dopo aver visto il noto filmato nel quale si può osservare – grazie all’ausilio di una telecamera nascosta – una giovane che cammina per le strade di NY ed è soggetta, costantemente, a commenti e apprezzamenti non richiesti che sfociano in molestie (il video qui).

Condivido completamente il pensiero dell’autrice

Nascere in un corpo di donna, nella nostra società e nel nostro tempo, significa che la tua percezione di esistere è impastata alla percezione di essere violabile.

Leggere le sue parole mi ha fatto tornare alla mente il bellissimo articolo (che è anche un po’ un saggio – brevissimo – di sociologia e di psicologia) di Zaron Burnett intitolato

A Gentleman’s Guide to Rape Culture

la…

View original post 519 altre parole

Qual è il confine tra una molestia e un complimento?

Qual è il confine tra una molestia e un complimento? La domanda mi è stata rivolta da alcuni amici maschi dopo aver visto 10 Hours of Walking in NYC as a Woman, il video prodotto da Hollaback, network internazionale che agisce in contrasto alle molestie di strada. Qual è il confine tra una molestia e un complimento? Io rispondo che … Continua a leggere Qual è il confine tra una molestia e un complimento?