Incontro con Estela Díaz, femminista e sindacalista argentina

Estela Díaz è sindacalista, dirigente del CTA (Central de trabahadora de Argentina) e femminista. L'abbiamo incontrata a Ri-make il 6 giugno 2019 (*) e questa è la trascrizione del dibattito. Abbiamo toccato moltissimi temi: la campagna per l'aborto sicuro, Ni una menos e il movimento femminista, l'organizzazione dello sciopero dell'8 marzo e il ruolo delle … Continua a leggere Incontro con Estela Díaz, femminista e sindacalista argentina

ll problema della formazione della magistratura sul femminicidio

Non sempre i giudici dimostrano una sensibilità e una preparazione adeguata riguardo ai casi di violenza sulle donne. Come dimostrano recenti e contestate sentenze.  Su Letteradonna.it, 19 marzo 2019 «Le dimezzano la vita, gli dimezzano la pena». Era scritto su uno dei cartelli esibiti durante il grande corteo che ha attraversato il centro di Milano la sera dell’8 marzo. Le manifestanti si … Continua a leggere ll problema della formazione della magistratura sul femminicidio

Cos’è Non una di meno?

Che cos’è Non una di meno? Un movimento politico Come è organizzato? E’ una rete composta da nodi. Ogni assemblea cittadina costituisce un nodo della rete. Le assemblee cittadine sono composte da associazioni, collettivi, e singole persone Come si fa a partecipare alle decisioni? Andando alle assemblee e argomentando il proprio punto di vista Ma … Continua a leggere Cos’è Non una di meno?

LOTTO marzo. Gli 8 punti dello sciopero per marciare insieme. Con chi li condivide

Le donne sono soggetti politici, ma lo sono a partire da presupposti diversi, a volte antagonisti e a volte convergenti. Per questo non mi è chiaro a chi siano rivolte le domande di Barbara Stefanelli, che nel suo editoriale del 2 marzo su la 27maora chiede alle donne se sapranno continuare a marciare insieme per … Continua a leggere LOTTO marzo. Gli 8 punti dello sciopero per marciare insieme. Con chi li condivide

Mi candido per un Ordine di giornalisti e gionaliste – Altro e possibile

"Formazione, deontologia, retribuzioni". A questo serve l'Ordine dei giornalisti, che il prossimo 19/20 maggio rinnova i propri organi direttivi: consiglio nazionale e regionali. Sono candidata come pubblicista con la lista Un Altro Ordine possibile, insieme a tante donne (quasi la metà delle candidature), tra cui molte già conosciute in percorsi di femminismo. "Formazione, deontologia, retribuzione" … Continua a leggere Mi candido per un Ordine di giornalisti e gionaliste – Altro e possibile