Aborto, Speranza ha chiesto parere al Consiglio di sanità “per favorire quello farmacologico”. In Umbria manifestazione contro lo stop

Il quesito sottoposto dal ministro della Salute va nella direzione sollecitata da associazioni, ginecologi e ostetriche. L’Italia è tra i Paesi dove è più difficile l’interruzione di gravidanza con la RU486: solo Lombardia, Lazio, Emilia-Romagna, Puglia e Toscana permettono la somministrazione in day hospital. Intanto domenica 21 giugno annunciata la protesta delle donne a Perugia contro lo stop della leghista Tesei.

Il Ministro della salute Roberto Speranza si è rivolto al Consiglio superiore di sanità (CSS) “al fine di favorire, ove possibile, il ricorso all’interruzione volontaria di gravidanza con metodo farmacologico, in regime di day hospital e in regime ambulatoriale, come in uso nella gran parte degli altri Paesi europei”, e di “prevedere l’aggiornamento delle Linee di indirizzo sull’IVG”, interruzione volontaria di gravidanza, con l’uso di Mifepristone (RU486) e prostaglandine, “tenendo anche in considerazione la possibilità di monitoraggio da remoto attraverso dispositivi tecnologici di telemedicina”. È il quesito posto dal Ministero al CSS presieduto da Franco Locatelli dopo l’ondata di proteste per il provvedimento recente della giunta leghista in Umbria, che ha deciso lo stop all’aborto farmacologico in day-hospital revocando una delibera regionale del 2019. Provvedimento rivendicato dalla giunta stessa sulla base delle linee di indirizzo che il Ministero aveva promulgato nel 2010 dopo che l’Agenzia del farmaco italiana, AIFA, aveva autorizzato l’immissione in commercio del farmaco come atto dovuto nel rispetto delle leggi europee, ma ponendo restrizioni che in altri Paesi non erano presenti: ricovero ospedaliero di tre giorni e limite delle 7 settimane di gestazione.

In generale l’Italia è molto indietro nella pratica dell’aborto farmacologico rispetto agli altri Paesi: al momento, secondo i dati dell’Associazione Coscioni, è possibile in day hospital in Lombardia, Lazio, Emilia-Romagna, Toscana, Puglia e (fino alla settimana scorsa) in Umbria. La decisione della giunta umbra aggrava il quadro già problematico del diritto alla salute delle donne di questa Regione. In Umbria l’attesa per un’interruzione volontaria di gravidanza con metodo chirurgico è di tre settimane in media e solo il 5% delle donne umbre riescono a fare l’IVG farmacologica, vista la difficoltà di raggiungere i servizi. Infatti l’aborto farmacologico non è disponibile in nessuno dei grandi ospedali della Regione, che sono a Perugia, Terni e Foligno, ma neppure a Spoleto, Castello, Branca. Lo è a Narni e Orvieto, ma con il ricovero ospedaliero di tre giorni, anche dopo che è entrata in vigore la delibera che permetteva il day-ospital, quella cancellata dalla giunta di centrodestra Tesei. Ad applicare la delibera, a conti fatti, era solo l’Ospedale di Umbertide, ma solo da pochi mesi, dopo che il servizio era stato trasferito lì perché a Pantalla il servizio IVG era stato chiuso causa Covid. Ma anche al Pantalla si era dovuto aspettare 9 mesi perché la delibera fosse applicata.

Continua su Ilfattoquotidiano.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.