Pubblicato in: Il corpo racconta

Vaginoplastica e vagine elastiche

No, anche la vagina no! E’ la mia prima reazione ad una notizia inglese rilanciata in Italia dal sito di Repubblica, in cui si cita una nuova tendenza della chirurgia estetica. Beh… ma perché no, mi dico in seconda battuta. Seni, glutei, braccia, gambe, ventre, labbra, zigomi, fianchi, ginocchia, caviglie… la sequenza del corpo femminile bionico è già lunga. La migrazione della ciccia a scopo estetico è stra-nota, già reale per tante altre parti e funzioni del nostro involucro di carne. E dunque perché non anche lì dove “non batte il sole”? Inseguo il punto di domanda come un segugio.

La prima scoperta è che la vagina possa essere oggetto di valutazione estetica. Una vagina, nel mio immaginario arcaico e pre-industriale, semplicemente esiste. In quanto vagina, essa è al di sopra di ogni canone. L’esistenza della vagina, per una donna, è prima di ogni altra un’esperienza tattile, non visiva. Qualcosa che si sente dall’interno. Il fascino e mistero della vagina, la sua peculiare caratteristica, non sta proprio nel suo essere interiore? Soglia tra luce e buio, interfaccia fisica e psichica tra interiore ed esteriore, qualcosa che si vive nel movimento tra dentro e fuori, simbolo di un transito verso la vita perché da lì si passa per nascere…

Essendo tattile e interiore l’esistenza della mia vagina non riguarda la vista, e perciò non ha nulla a che fare con l’estetica – osservarla in uno specchio richiede pure un certo sforzo.
Che discorsi futili. Il governo sta per cadere (ma cade o non cade!?), il mondo del lavoro è divorato dalla crisi e dalla disoccupazione. Pure io dovrei preoccuparmi del mio disperato salvadanio, e invece mi distraggo pensando a chi, guardandosi la propria vagina, la trova brutta.

Eppure mi incuriosisce. Gironzolando in rete scopro che seicentomila donne si sottopongono ogni anno alla chirurgia plastica. Il più piccolo intervento equivale a 3 mesi del mio stipendio mensile, e già basterebbe a suscitare indignazione. Ma so anche che la bellezza è potere da sempre e in quanto tale può trasformarsi in dittatura. La dittatura della bellezza soggioga oggi non solo donne ricche e viziate, ma anche donne del ceto medio e basso che si indebitano per arrivare la dove Essa dominandoci illude di dominare. Mi concedo ancora qualche passo sul sentiero indicato dalla domanda iniziale. Perché qualcosa di interiore, qualcosa che si sente e conosce da dentro, dovrebbe essere visto come brutto o bello?

Le parole della pubblicità dicono tanto dei desideri delle potenziali acquirenti. Decido perciò di tornare sul luogo del delitto, sui siti dove chirurgia plastica vendesi. Leggo che “tra i numerosi interventi realizzabili, alcuni spiccano per maggiore frequenza di richieste. Primo tra tutti la correzione delle piccole labbra. Segue poi la richiesta di ridurre il volume del pube, o, al contrario, di incrementarlo. Per donne che hanno avuto esperienza di parto con episiotomia, poi, c’è la possibilità di eliminare le cicatrici che, oltre che brutte a vedersi, spesso sono anche fastidiose”. Ancora: con il passare dell’età il monte di Venere, non ha più l’aspetto turgido di quello di una ragazza. Eh già. La dittatura della bellezza nel nostro Paese è dittatura della giovinezza, e se la ciccia emigra nei posti sbagliati dobbiamo riportarla alla sua sede originaria. In rete trovo anche qualche foto …  ammetto che alcune vagine nella loro parte esteriore possano essere meno armoniose di altre. Eppure quelle labbra sono ancora e solo il bordo, il limitare, la promessa di qualcosa di invisibile e in quanto tale sottratto al canone estetico.

Un’amica antropologa, in uno scambio epistolare osserva: “in Brasile se la fanno rifare tutte dopo il secondo parto vaginale, o almeno ci provano. Uno dei motivi per cui le donne di classe medio-alta vogliono il parto cesareo e’ questo: vogliono evitare non soltanto di soffrire, ma anche che la loro vagina e quindi la loro attività sessuale risentano del parto. Chi partorisce di più per via vaginale sono, di conseguenza, le donne di classe medio-bassa, che non hanno scelta perché non gliela danno, negli ospedali pubblici. Alcune di loro, pero’, riescono ad ottenere una plastica vaginale a spese del Servizio pubblico, dopo il secondo parto”.

Queste piccole e grandi labbra sottratte al regno del tatto e gettate in quello della visione si offrono allo sguardo di qualcuno: lo sguardo di chi ci desidera. Uno sguardo maschile, per le donne eterosessuali. Uno sguardo femminile per le donne omosessuali.
Apro dunque piccolo sondaggio ad alcuni amici uomini e ad alcune amiche donne, chiedendo se l’aspetto estetico della vagina abbia una qualche incidenza sul loro desiderio. Nella maggioranza dei casi la domanda non è presa su serio e viene lasciata cadere. Qualcuno riflette: davvero non ci avevo mai pensato! Qualcuna dice che l’importante non è ciò che si offre alla vista, ma agli altri sensi. Uno, infine, conferma di averne viste di belle e di brutte ma poi sottolinea: “si tratta comunque solo delle labbra. La vagina è tutto il resto, è tutta dentro, e perciò l’aspetto, ai fini pratici, poco conta”.

E torniamo così al punto di partenza. La vagina, con l’estetica, che c’azzecca? Morale della favola: se vogliamo ottimizzare la nostra vagina consigliamo di sostituire al chirurgo esercizi per rafforzare la muscolatura del pavimento pelvico. Possiamo farli anche da noi, senza spendere migliaia di euro per qualcosa che potrà cancellare una cicatrice o sollevare un orlo, ma non restituirci il piacere di sentire.

No alla vaginoplastica, si alla vagina elastica!

Autore:

@Ele_Cirant - giornalista pubblicista, bibliotecaria, web content editor, video-maker. Argomenti: diritto alla salute e salute riproduttiva, contrasto alla violenza di genere, studi di genere, cittadinanza attiva

5 pensieri riguardo “Vaginoplastica e vagine elastiche

  1. Ciao Eleonora, questo tuo post e’ stato oggetto di lunghe discussioni. Per womenoclock, ma non abbiamo ancora pubblicato nulla. possiamo citarti e fare un post anche noi?
    Per il resto come stai? Un abbraccio, e spero a presto

  2. Carissima,
    tutte deduzioni interessanti le tue. Ma come molte persone nonsai che ci sono tante donne come me che soffrono gravi problemi alla vagina a causa del parto e per lo piú a causa dei ginecologi. So chiama “violenza ostetrica”. Chi la prova sul suo corpo, nella sua parte più intima, vive un trauma simile allo stupro. Il dolore fisico continua nel tempo a causa delle cicatrici e oltre al danno la beffa: fare l’amore con tuo marito diventa doloroso e a volte impossibile.
    Nessuno ne parla, perchè la vagina è un tabú.
    Io non vedo l’ora di sottopormi a una vaginoplastica che mi tolga questa sofferenza e mi permetta di fare l’amore e magari avere un secondo figlio.
    Ecco, adesso che lo sai diffondi. La vagina è un tabú. Capitasse a un uomo che, per diventare padre, deve farsi schiacciare il pene da una pressa, sai quali tecnologie avrebbero giá inventato per evitarlo?

    1. Grazie Carla per il tuo commento. Giustamente metti in rilievo la “violenza ostetrica”. L’elevata incidenza di tagli cesarei e l’episiotomia di routine sono alcuni esempi. Pochissima attenzione alla riabilitazione del pavimento pelvico dopo il parto con conseguenti strascichi di incontinenza urinaria, che potrebbero essere evitati. Per non dire delle “tecniche”: il tema dell’epidurale divide tra due schieramenti pro e contro, ma quanto potere ha la donna di scegliere una o l’altra modalità e quanta cura c’è davvero per accompagnarla in questa scelta? (Anche il parto senza anestesia epidurale richiede una certa forma di tecnica, visto che il perineo dovrebbe essere stato correttamente allenato nei mesi precedenti. L’educazione posturale, l’educazione alla propriocezione, etc. sono tecniche, come lo yoga insegna).
      Insomma non mi interessa pontificare sul fatto che la vaginoplastica sia buona o cattiva, giusta o sbagliata, ma riflettere su come viene usata e con quali obiettivi. La qual cosa non può che essere soggettiva. Es., un intervento di chirurgia al naso perché lo si vuole a punta in su è diverso da un intervento per liberare un setto nasale deviato che impedisce di respirare bene.
      In ogni caso sono d’accordo: la vagina (quella vera) è tabù, e se fosse l’uomo a partorire…
      Grazie ancora per la tua testimonianza!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...